Con una serata pubblica organizzata alla Sala del Carmine, martedì 30 aprile è stato presentato ufficialmente il Programma Elettorale della coalizione di centro sinistra che sostiene la candidatura di Davide Ranalli a sindaco di Lugo per le prossime elezioni amministrative del 26 maggio.

Un appuntamento che ha richiamato oltre trecento persone, attente agli interventi dei relatori in rappresentanza delle diverse liste che si sono schierate in favore della ricandidatura dell’attuale sindaco di Lugo. Una serie di interventi preceduti dall’esposizione dei punti cardine del programma, elencati uno ad uno ed approfonditi nella prima parte della serata partendo dall’incipit: “Costruire insieme una visione nuova di futuro ecologicamente e socialmente inclusivo per

tutti”. E così, ecco la presentazione dei punti chiave e delle idee proposte su: Ambiente, Benessere Animale, Comunità e Volontariato, Cultura, Economia, Lavoro e Sviluppo, Giovani, Istituzioni, Opere Pubbliche e Manutenzioni, Pari Opportunità, Partecipazione e Decentramento, Riqualificazione urbana, Sanità, Scuola, Servizi Sociali, Sicurezza e Sport.

Sono poi intervenuti i rappresentanti delle liste coinvolte. Ad aprire la carrellata l’intervento di Alessandra Morici, capogruppo della lista “Insieme per Lugo”, a seguire Gianmarco Rossato, segretario comunale e capogruppo per il Partito Democratico. Poi ancora, Mario Betti per il Partito Repubblicano, Gilberto Minguzzi per “Sinistra per Lugo” ed infine Gianluca Baldrati capogruppo dei Verdi.

Le conclusioni sono state affidate a Davide Ranalli: “Questo è un programma che dimostra grande capacità progettuale, un programma che guarda al futuro ben oltre le scadenze elettorali perché vogliamo regalare ai nostri figli una città ancora migliore. Un programma frutto del lavoro di tante persone che hanno messo a disposizione tempo e competenze.  ‘Non io, tutti’ è questo. Un programma che parla a tutti, ad iniziare dai giovani. Nel programma si trovano proposte, si sottolinea la necessità che l’ospedale venga rilanciato attraverso gli investimenti previsti da Ragione e Ausl, in particolare sul pronto soccorso e sulla rianimazione”.

“Sulla sicurezza – ha proseguito ancora Ranalli – la nostra coalizione parla un linguaggio chiaro: non dobbiamo alimentare paure, ma occuparci concretamente del problema e, soprattutto, recuperare la coesione sociale come strumento per arginare fenomeni criminosi. Un programma che parla di lavoro a trecentosessanta gradi, economia verde, sostegno alle imprese, lotta alla burocrazia e la nascita di cinquanta nuove imprese nel settore dell’innovazione. Vogliamo costruire le condizioni per una città che cresce, attrae investimenti e crea lavoro buono e stabile”.