Il Comune di Imola organizza una serie di tour guidati dedicati ai quattro luoghi simbolo dell’arte e della cultura imolese. Come nel grand tour ottocentesco si andavano a visitare tutte le bellezze europee, molte delle quali in Italia, così in un unico tour vengono messi insieme i più bei luoghi storico artistici cittadini di proprietà comunale.

Quattro domeniche

Saranno quattro le occasioni per apprezzare le bellezze storico artistiche della nostra città, accompagnati da una guida che ripercorrerà la storia, i segreti e gli aneddoti legati a ciascun luogo. Le giornate previste sono il 30 ottobre, il 20 novembre, l’11 e il 18 dicembre. Ciascun appuntamento si articolerà in due momenti separati: una prima parte in mattinata (ore 10-12) e una seconda parte nel pomeriggio (ore 14-16). Punto di partenza sarà la biglietteria della Rocca Sforzesca per proseguire con la casa museo di Palazzo Tozzoni; nel pomeriggio sarà la volta del Teatro Stignani e della Libreria Francescana, cuore settecentesco della Biblioteca Comunale.

“Quattro luoghi simbolo dell’arte e della cultura imolese uniti in un unico percorso per apprezzarne la storia, i segreti e gli aneddoti accompagnati da una guida. Le politiche turistiche e culturali ad Imola vogliono sempre di più integrarsi per offrire a cittadini, visitatori giornalieri e turisti occasioni per scoprire le bellezze storico artistiche della nostra città” spiegano l’assessore alla Cultura, Giacomo Gambi e l’assessore al Turismo, Elena Penazzi.

Quattro luoghi speciali

La Rocca Sforzesca era il presidio militare fortificato che doveva proteggere Imola dalle incursioni nemiche. Costruita a partire dal XIII secolo, nel corso del tempo conobbe mutamenti resi necessari dall’evoluzione della tecnica militare. Le più importanti quelle quattro-cinquecentesche, volute dagli Sforza e migliorate ad inizio Cinquecento da un “ingegnere” il cui nome è a centro della storia culturale italiana: Leonardo da Vinci.

Entrare a palazzo Tozzoni significa scoprire il fascino di un palazzo abitato per cinque secoli dalla stessa famiglia; gli appartamenti, gli arredi, le suppellettili perfettamente conservati, sono esempio dei modi di abitare che si sono avvicendati nel tempo. Il percorso offre una testimonianza intatta della vita che si svolgeva, da quella pubblica a quella quotidiana, dal salone d’onore e agli appartamenti del piano nobile, fino agli spazi più privati come la biblioteca, i salotti al piano terra e infine quelli domestici.

In questa visita al Teatro Stignani, il fascino della scena, l’emozione di vedere dal vivo il funzionamento del palcoscenico e delle macchine teatrali, si unisce alla consapevolezza di essere in un luogo nel quale si respira la storia. Lo spazio teatrale è stato ricavato dall’antica ex chiesa superiore di San Francesco grazie al genio dell’architetto Giuseppe Magistretti. Il teatro inaugurò nel 1812, reso prezioso da decorazioni pittoriche di gusto neoclassico che dal soffitto arrivano ai palchetti. Più di 200 anni fa iniziava così la fulgida storia di un luogo chiave per la cultura e la società imolese.

Pochi passi separano il teatro dalla Libreria Francescana, anch’essa parte dell’antico complesso della chiesa di San Francesco, dove ora ha sede la Biblioteca Comunale. L’Aula Magna della Libreria ne è il cuore antico, quello che i padri francescani vollero come sala capiente che potesse ospitare i volumi del convento. Costruita tra 1761 e 1762 dall’architetto Cosimo Morelli, conserva ancora gli arredi originali, con balaustra di legno e le due scalette “a lumaca” nascoste negli angoli. Spettacolare lo scalone disegnato da Alfonso Torreggiani che approda all’ingresso, dove sono le sorprendenti decorazioni a trompe oeil con vere lapidi classiche inserite tra le pitture, in un sottile gioco di verità e finzione pittorica.

Come partecipare

Il Grand tour sarà un modo inedito per conoscere Imola e per scoprirne la bellezza. I posti sono limitati ed è obbligatoria la prenotazione entro il giorno precedente tramite l’App “IoPrenoto” (Sezione Eventi) oppure presso i Musei Civici di Imola. Tel. 0542 602609 (dal lunedì al venerdì 9-13). www.museiciviciimola.it

Ritrovo e acquisto biglietti – ore 10 alla biglietteria della Rocca Sforzesca, piazzale Giovanni dalle Bande Nere

Costo: intero 8 euro, ridotto 6 euro, ingresso gratuito 0-12 anni.

Durata: dalle ore 10 alle ore 12 (Rocca Sforzesca e Palazzo Tozzoni) e dalle ore 14 alle ore 16 (Teatro Stignani e Libreria Francescana).

Per informazioni: Musei Civici di Imola – Tel. 0542 602609 (dal lunedì al venerdì 9-13)
www.museiciviciimola.it